Alla scoperta del DaaS – Development as a Service

Scopri il nostro metodo: Development as a Service

Indice dei contenuti

Introduzione

I nostri dubbi

Scopri DaaS

Conclusione

Introduzione

Fin dalle prime fasi della vita di DevGenius, ancor prima di scegliere il nome per la nostra azienda, ci siamo resi conto che il nostro servizio di sviluppo software avrebbe dovuto essere diverso dagli altri sul mercato.

I nostri dubbi

Il primo ostacolo che ci si è presentato mentre stavamo definendo che tipo di prezzo avremmo potuto proporre ai nostri clienti, in particolare per progetti più complessi che richiedevano più tempo per essere rilasciati. I motivi dei nostri dubbi erano vari: tra quanto tempo il cliente vuole utilizzare un MVP? Consideriamo le funzionalità che integreremo facili o difficili? Quanto può essere migliorato questo prodotto nel tempo? E qual è il suo tasso di "innovazione"? Quanti utenti useranno questo prodotto? Cresceranno di numero?

Se hai un po 'di esperienza con la tecnologia, che tu sia un utente o uno sviluppatore, puoi facilmente capire che è difficile rispondere a queste domande il giorno 0.

Se guardiamo gli strumenti che usiamo più frequentemente: CRM, chat, email, traduttori, social media, ... vediamo che più li usiamo meglio siamo nell'usarli e più idee ci vengono in mente da usare appieno le loro potenzialità o modificare gli aspetti laddove mancano.

Scopri DaaS

Abbiamo imparato che tutti gli strumenti digitali hanno un grande cosa in comune: cambiano e migliorano costantemente. Potremmo dire

ogni software è uno strumento in continua trasformazione e miglioramento, per adattarsi alla vita delle persone e semplificare ciò che diventa sempre più complicato.

Inoltre, eravamo molto insoddisfatti della definizione di "strumento" per i nostri software e le nostre app perché ci ricordava tutte le cose che abbandoniamo nell'armadio o nel garage; inoltre, in un'epoca in cui tutto è fluido, considerare un'opportunità così straordinaria per crescere e cambiare, come un qualcosa di statico sarebbe sembrato così anacronistico.

Alla fine, grazie soprattutto a chi si dedica alla loro realizzazione, l'abbiamo capito

i software sono "processi" che innescano una partecipazione costante tra azienda e utenti e accendono il dibattito sulla sua fruibilità e coerenza con la struttura aziendale e con i suoi processi e bisogni interni. 

E, come sviluppatori, avremmo potuto essere i designer di questi processi. Quindi abbiamo deciso di chiamare il nostro servizio DaaS: Development as a Service.

Man mano che facevamo esperienza ci siamo resi conto che più che un prezzo totale per il prodotto finito, potevamo proporre un prezzo mensile, una sorta di abbonamento al servizio di sviluppo software.

Conclusione

In questo modo, integrando la difficoltà stimata del progetto e quindi le ore per realizzarlo, e moltiplicando il tutto per un fattore che riassume il tasso di innovazione nel tempo e la “fretta” del cliente di avere un MVP, siamo riusciti ad ottenere un giusto canone mensile.

Inoltre, grazie a questo approccio abbiamo reso i nostri clienti più felici, coinvolgendoli nella creazione del proprio software. E abbiamo scoperto che apprezzano davvero far parte di una squadra e toccar con mano ogni piccolo aggiornamento, cambiamento e miglioramento. Grazie a questo modello, un cliente può far parte del nostro equipaggio fino a quando la corsa non lo porta dove vorrà giungere.

Image:

Talk about this article in our community!

it_ITItaliano